Gioisco pienamente nel Signore

Natività della Beata Vergine Maria (f)
23.a Tempo Ordinario – P
Liturgia: Mi 5,1-4a opp. Rm 8,28-30; Sal 12; Mt 1,1-16.18-23

ANTIFONA D’INGRESSO
Celebriamo con gioia la Natività della beata Vergine Maria: da lei è sorto il sole di giustizia, Cristo, nostro Dio.

COLLETTA
Donaci, Signore, i tesori della tua misericordia e poiché la maternità della Vergine ha segnato l’inizio della nostra salvezza, la festa della sua Natività ci faccia crescere nell’unità e nella pace. Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA (Mi 5,1-4)
Partorirà colei che deve partorire.
Dal libro del profeta Michea
E tu, Betlemme di Efrata così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te uscirà per me colui che deve essere il dominatore in Israele; le sue origini sono dall’antichità, dai giorni più remoti.
Perciò Dio li metterà in potere altrui, fino a quando partorirà colei che deve partorire; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele. Egli si leverà e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio. Abiteranno sicuri perché egli allora sarà grande fino agli estremi confini della terra. Egli stesso sarà la pace!
Parola di Dio.

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 12)
Gioisco pienamente nel Signore.
Guarda, rispondimi, Signore, mio Dio,
conserva la luce ai miei occhi.
Gioisco pienamente nel Signore.
Io nella tua fedeltà ho confidato;
esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterà al Signore, che mi ha beneficato.
Gioisco pienamente nel Signore.

CANTO AL VANGELO
Alleluia, alleluia.
Beata sei tu, o Vergine Maria, e degna d’ogni lode:
da te è nato il sole di giustizia, Cristo nostro Dio.
Alleluia.

VANGELO (Mt 1,1-16.18-23)
Il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadab, Aminadab generò Naasson, Naasson generò Salmon, Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide.
Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Uria, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abia, Abia generò Asaf, Asaf generò Giosafat, Giosafat generò Ioram, Ioram generò Ozia, Ozia generò Ioatam, Ioatam generò Acaz, Acaz generò Ezechia, Ezechia generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosia, Giosia generò Ieconia e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconia generò Salatiel, Salatiel generò Zorobabele, Zorobabele generò Abiud, Abiud generò Eliacim, Eliacim generò Azor, Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliud, Eliud generò Eleazar, Eleazar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa Dio con noi.
Parola del Signore.

PREGHIERA SULLE OFFERTE
Ci soccorra, o Padre, l’immenso amore del tuo unico Figlio, che nascendo dalla Vergine non diminuì, ma consacrò l’integrità della Madre, e liberandoci da ogni colpa ti renda gradito il nostro sacrificio. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE
Ecco: la Vergine darà alla luce un Figlio, che salverà il popolo dai suoi peccati.

PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE
Esulti la tua Chiesa, Signore, rinnovata da questi santi misteri, nel ricordo della Natività di Maria Vergine, speranza e aurora di salvezza al mondo intero. Per Cristo nostro Signore.

MEDITAZIONE

Parola – Prima lettura Mi 5, 1-4a
E tu, Betlemme di Efrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te uscirà per me colui che deve essere il dominatore in Israele; le sue origini sono dall’antichità, dai giomi più remoti. Perciò Dio li metterà in potere altrui, fino a quando partorirà colei che deve partorire; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli d’Israele…

Riflessione
Da Betlemme, pur così piccola, nascerà il Messia, Punto del Signore, il re che guiderà Israele. Le sue origini risalgono ai tempi antichi, a Davide. Finché non verrà questo nuovo re Israele sarà sottomesso ad altre nazioni fino a quando la vergine partorirà un figlio. Allora “il resto” dei fratelli, cioè di coloro che dispersi fuori d’Israele si sono mantenuti fedeli a Jahveh, ritorneranno ai figli di Israele. Il Messia vivrà in mezzo al popolo, pascerà con autorità divina, con la grandezza di Dio. Ci sarà pace, sicurezza e il futuro Messia sarà grande e governerà fino agli estremi confini della terra. La pace sarà sicura perché garantita dalla presenza del Messia. Il resto d’Israele è la Chiesa che si espande fino ai confini della terra. Tu sei nella Chiesa e porti la salvezza di Gesù a tutti gli uomini, specialmente il tuo prossimo. La tua famiglia è la Chiesa. In essa crescono le vocazioni specifiche. Tu quale hai? Come la vivi oggi?

Parola – Vangelo Mt 1, 1-16.18-23
… Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto… gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati»…

Riflessione
Pensate quale angoscia deve avere avuto Maria. perché a quel tempo la donna che veniva colta incinta e non era opera del marito, veniva uccisa, lapidata. non c’era misericordia. Pensate che fede la Madonna ha avuto, per il rischio che correva diventando madre. Per gli uomini era una ragazza madre: lei l’ha tenuto dentro di se. Noi non riusciamo a capire il dramma di Maria nella crescita della fede. Lei ha detto: «Eccomi sono la serva del Signore». Non era importante non avere il dramma umano, non correre dei era importante sapere che il Signore era con lei come le aveva detto l’angelo: «Il Signore è con te». Che libertà! Non aver più davanti a te il timore delle realtà a cui vieni mandato; agli occhi del mondo è stoltezza. tu invece sei aperto ai cammini di Dio!