Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Marcello Bartolucci Segretario della Congregazione delle Cause dei Santi

             Domenica, 7 ottobre 2018,  grande gioia Professione Perpetua delle cinque consorelle: Suor Ramona M. Ramos, Suor Gregoria E. Relativo, Suor Francesca Thomas, Suor Sebastiana Siluvai Raj e Suor Ida P. Daquil. 

              Riporto di seguito alcune parte del suggestivo rito che ha suggellato la Vocazione di queste cinque sorelle giovani, ora SPOSA dell’ETERNO RE.

RITI DELLA PROFESSIONE

Dopo l’omelia il celebrante chiama le candidate:

C. SI PRESENTINO LE CANDIDATE ALLA PROFESSIONE PERPETUA

La maestra dello juniorato chiama le candidate per nome ed ognuna risponde:

Mi hai chiamata: eccomi, Signore!

 

INTERROGAZIONE

Il Presidente interroga le candidate con queste parole:

C. Figlie carissime, che cosa chiedete a Dio e alla santa Chiesa?

Chiediamo di seguire Cristo come nostro Sposo, in questa famiglia religiosa delle Figlie di Santa Maria di Leuca e di perseverare nel nostro proposito fino alla morte.

Tutti:

Rendiamo grazie a Dio!

INTERROGAZIONE

Il celebrante ha domandato

Figlie carissime, voi siete già morte al peccato e consacrate al Signore mediante il Battesimo, volete, ora, consacrarvi più intimamente a Lui, con il nuovo e speciale titolo della Professione perpetua?

Le candidate insieme hanno risposto:

Sì, lo voglio.

Volete, con l’aiuto di Dio, abbracciare per sempre la vita di perfetta castità, povertà e obbedienza, che fu scelta da Cristo Signore e dalla sua Vergine Madre?

Sì, lo voglio.

Volete impegnarvi costantemente a seguire il Vangelo e ad osservare la Regola della vostra famiglia, per giungere alla perfetta carità verso Dio e verso il prossimo’

Sì, lo voglio.

Volete, con la grazia dello Spirito Santo, dedicare generosamente tutta la vostra vita al servizio del popolo di Dio?

Sì, lo voglio.

Il Presidente conclude:

Ricche di ogni dono in Cristo Gesù, non manca alcun dono di grazia a voi. Sarà Lui che vi renderà salde fino alla fine, perché siate irreprensibili nel suo giorno. Fedele è Dio che vi ha chiamate ad essere in comunione con il Figlio suo, Gesù Cristo, nostro Signore.

Amen.

Tutti si alzano.

Mentre la comunità  intona un canto di invocazione allo Spirito Santo, le candidate si dispongono attorno all’altare.

Terminato il canto, il Presidente rivolge questa monizione all’Assemblea:

Per antica tradizione, la liturgia romana premette a riti particolarmente solenni e gravi – come è la Professione religiosa perpetua – la litania dei Santi…

PROFESSIONE RELIGIOSA

Terminato il canto delle litanie dei santi, durante il quale le candidate si sono prostrate a terra. Le candidate si alzano in piedi. Ogni candidata, si inginocchia davanti alla Madre, assistita da due consorelle quali testimoni, pronuncia la Professione religiosa con la seguente formula:

Io, Suor…, ho scelto di consacrarmi totalmente a Dio, sull’esempio di Maria, madre e serva del Signore. Perciò faccio voto nelle tue mani, Madre, per tutta la vita, di castità, povertà e obbedienza, secondo le costituzioni della nostra Congregazione religiosa.

Alla’altare ciascuna appone la propria firma alla formula scritta precedentemente. Poi tutte le candidate si radunano attorno alla Madre, che dichiara:

In nome della Chiesa ricevo la tua Professione perpetua e ti accolgo definitivamente nella nostra famiglia spirituale. Il Signore ti conceda di portare a compimento la tua offerta, unita a Cristo nel sacrificio eucaristico.

Infine la Madre dice:

Carissime, ora fate parte per sempre della nostra famiglia religiosa e avremo in comune ogni cosa.

CONSEGNA DELL’ANELLO

Con la seguente formula; il Presidente consegna alle professe l’anello, segno delle mistiche nozze con Cristo.

Sposa dell’eterno Re, ricevi l’anello nuziale e custodisci integra la fedeltà al tuo Sposo, perché Egli ti accolga nella gioia delle nozze eterne.

La professa risponde:

Amen.